Skip to content

Salviamo gli scarafaggi!

luglio 31, 2007

Lo so, quei viscidi insettacci che infestano le nostre case sono la quintessenza del disgusto. In più con la loro capacità genetica di affrontare qualsiasi avversità e di adattarsi praticamente a qualsiasi contesto (sopravviverebbero anche nel caso di un’esplosione nucleare!) hanno anche un certo non so che di inquietante.

Eppure se siete stati in paesi come la Tailandia, o meglio ancora come la Cambogia, saprete che da quelle parti sono ancora oggi consumati come snack o, nel pieno rispetto della tradizione buddista, spesso vengono lasciati gironzolare liberi senza essere calpestati (il veleno però sì!).

Sto parlando degli scarafaggi, insoliti protagonisti di una campagna per il rispetto degli animali (anche loro!).

Non potevano mancare nell’inventario di Campagne Sociali.

Devastante! (e scusate l’abbondanza di punti esclamativi)

Scarafaggi

Agenzia: Kroma Advertising, Jordan

Via 

5 commenti leave one →
  1. agosto 2, 2007 10:18 am

    Ciao Paolo, rieccomi qua😉

    tutto okay? Io sono tornato luned’ dal Festival del Doppiaggio Voci a Sanremo (ex Voci nell’Ombra).

    heheheh, concordo con te sugli scarafaggi.😉

    Anni fa ad El Kebìr, in Tunisia, me ne capitò uno grosso quanto quello della locandina della campagna e, credimi, ucciderlo è stato un’impresa.

    Quanto sono crudele.😛 hahahaha

    Quando dici “il veleno però sì” ti riferisci al veleno di questi animali? Sai, non sapevo che fossero velenosi.

    Comunque consumarli come snack è una cosa inumana, oltre che disgustosa.

    A presto😉

    Marco

  2. agosto 2, 2007 2:36 pm

    ciao Marco,
    che bello rivederti sul blog. Non vedevo l’ora di riavere le tue segnalazioni e visto che fino al 20 di agosto sarò incollato al computer spero che mi farai un po’ di compagnia…

    La storia del veleno è una storia che ho visto quest’anno in Tailandia. Nessuno li calpestava e in più di un’occasione ho visto prendere con le mani insetti grossi come topi e spostarli in un posto dove dessero meno fastidio… Però affianco a molte casse ho visto bombolette di veleno per scarafaggi… Abbastanza singolare, ma si sà, la morte se non è provocata con le proprie mani fa sempre meno impressione…
    Comunque le piramidi di scarafaggi fritti non sono così disgustose😉
    Un caro saluto
    paolo

  3. agosto 4, 2007 8:46 am

    Ciao Paolo,

    quindi le hai assaggiate le piramidi di scarafaggi fritti ?😀😉

    Ti farò sicuramente compagnia da qualche Internet Point di Taormina perchè sarò lì in vacanza con la mia famiglia e, se posterai altri spot nostri con delle voci fuori campo, non mancherò di segnalarti i doppiatori.😉

    Ho letto che sei il responsabile di comunicazione di Terre Des Hommes.

    Sai, qualche anno fa mi aveva risposto la persona che ti ha preceduto per confermarmi che le voci dello spot “Sassolone” erano Luciana Litizzetto e Nanni Baldini, che tutti conoscono come la voce di Ciuchino del film “Shrek” e che è uno dei doppiatori più bravi che abbiamo in Italia, proprio come i suoi fratelli Oreste e Antonella, che quando ero piccolo (ora ho 22 anni) doppiava il personaggio di Ocalina nel cartone Disney “Darkwing Duck”.

    Nanni Baldini ha fatto anche l’uovo di pasqua parlante di uno spot radiofonico per la vendita delle uova pasqualei per l’AIL per aiutare la ricerca su leucemia, linfomi e mielomi. Un vero mito !😀

    Un caro saluto anche a te,

    Marco

  4. agosto 8, 2007 7:37 am

    Ciao Marco, confesso che nonostante sia uno sperimentatore culinario (e la cultura di un paese spesso passa dal cibo) lì mi sono fermato davanti a evidenti gap culturali😉

    Per quanto riguarda il Sassolone (avevi parlato con Marta Guglielmetti o con Franca Pieroni? Franca è ancora qui….) che dire? Spot innovativo e coraggioso realizzato per tdh da TBWA, con anche una strategia di comunicazione elaborata alle spalle, peccato che presentasse alcune caratteristiche che lo rendevano difficile in Italia: il tono, giocato sul paradosso e sul grottesco, accettati in Italia solo se passano attraverso il volto amico di un testimonial; la scarsa immediatezza, che si riesce a vincere solo con programmazioni forti, cosa impossibile in un mercato dove gli spazi gratuiti per le organizzazioni rimangono pochi e dove i messaggi più nuovi per diversi motivi non trovano spazio. Purtroppo non sempre creatività e budget vanno a braccetto!
    Un caro saluto e a presto
    p.

  5. veronica!! permalink
    agosto 26, 2007 7:59 pm

    vi fate di brutto!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: