Skip to content

Contro la discriminazione razziale negli stadi

luglio 14, 2007

 Le parole possono far male. Le parole all’interno di uno stadio possono avere conseguenze incontrollabili e trasformare il luogo del gioco in un campo di battaglia pieno di croci. Ma dallo stadio alla vita reale spesso il passo è minimo e le parole, soprattutto quelle che esprimono disprezzo nei confronti di altre persone dalla pelle diversa possono facilmente trasformarsi in un vero e proprio razzismo. Possibile? Purtroppo sì, anche se dall’altra parte ci sono Pelé, Ronaldinho, Eusebio, Thuram e compagni, gente che onora il gioco del calcio…

Attenzione allora, perché “il razzismo danneggia lo sport”.

Contro la discriminazione

Titolo: Croci
Cliente: Romanian Football Federation, National Council for Combating Discrimination, OSI ERGO, Policy Center for Minorities and Roma
Direttore Creativo /Copywriter: Mihaela Pascu
Art Director: Claudiu Benciu
Via 10 Advertising

No comments yet

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: